• Simple Item 8
  • Simple Item 14
  • Simple Item 6
  • Simple Item 4
  • Simple Item 5
  • Simple Item 1
  • Simple Item 7
  • Simple Item 3
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Abbigliamento

Gonne da testa o gonne-copricapo sono tipi di copricapo diffusi soprattutto nella Sardegna settentrionale (ad esempio a Sorso, Ittiri, Tempio), confezionati come una vera gonna arricciata se non fosse per le ridotte dimensioni della lunghezza, dell'ampiezza totale e del giro vita. Sono noti come bunnèdda a cappìttamunnèdda 'e cugùddu o suncurìnu o zuncurìnu. Per le loro dimensioni e per il modo di indossarle non possono perciò essere confuse con le doppie gonne che coprono il capo rialzando la parte posteriore e delle quali si dirà più avanti. È del tutto naturale interrogarsi su una così strana foggia che, a guardare la funzione, potrebbe essere sostituita con vantaggio da un semplice manto.
È possibile che derivi dalla necessità di coprire il capo uscendo di casa all'improvviso utilizzando proprio una vera gonna che, anziché essere indossata cingendola in vita, viene posata semplicemente sul capo; nel tempo questa consuetudine può aver dato luogo alla confezione di un vero copricapo uguale ad una piccola gonna. La descrizione di questi indumenti è puntuale nell'iconografia del primo Novecento e numerose sono anche le immagini fotografiche.
La confezione prevede l'uso dei tessuti più vari sia in lana che in cotone, in tinta unita e nelle diverse fantasie soprattutto scozzesi, rigate, a fiori e a fiamma; un largo bordo in tessuto contrastante è applicato sia all'esterno che all'interno. La parte corrispondente al punto vita viene posata sul capo, già coperto con un fazzoletto, così che l'indumento ricade lungo la schiena e, nella differente lunghezza, mostra sia il bordo applicato sul diritto sia quello sul rovescio.

(Credits:"Costumi, Storia, linguaggio e prospettive del vestire in Sardegna", Ilisso 2003 "Sardegna Cultura)

 

 

Nessuna connessione internet