• Simple Item 3
  • Simple Item 6
  • Simple Item 4
  • Simple Item 7
  • Simple Item 14
  • Simple Item 5
  • Simple Item 1
  • Simple Item 8
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Archeologia

Monte d'Accoddi 

La sensazione più immediata che si prova a Monte d'Accoddi, è sicuramente legata alla sacralità di questo luogo, dove sono testimoniati riti propiziatori della fertilità, in un contesto archeologico che ha suscitato stupore ed interesse già al momento della sua scoperta, avvenuta nel 1952 a seguito degli scavi di Ercole Contu. >>> Scopri di più


Musei e Monumenti

Museo Archeologico Nazionale "G. Sanna" 

Entrare nel Museo Sanna è come fare un tuffo nella storia, dal Paleolitico ai giorni nostri. Un viaggio attraverso reperti e oggetti antichi raccolti nel tempo da appassionati che pian piano nel tempo hanno creato un tesoro da offrire alla città e ai suoi visitatori. >>> Scopri di più.

Palazzo Ducale 

Tra i tanti palazzi realizzati dalla nobiltà sassarese, anche Palazzo Ducale spicca per la sua bellezza fin dalla facciata con finestre di diversa foggia e aperture dell'ultimo piano incorniciate da un originale motivo di gusto rococò. >>> Scopri di più

Fontana di Rosello 

Tanto straordinaria da meritare un francobollo. La fontana di Rosello, il simbolo della città di Sassari, fu scelta nel 1975 dalle Poste italiane come la più famosa fontana ornamentale della Sardegna. >>> Scopri di più

Palazzo d'Usini 

Il Palazzo, che si affaccia su piazza Tola, fu riedificato nel 1577 per conto di don Jayme Manca su precedenti strutture tardo gotiche. Esso rappresenta per Vico Mossa la massima espressione di architettura civile sassarese del XVI secolo. >>> Scopri di più

Piazza d'Italia e il Palazzo della Provincia 

Piazza d'Italia, nota dai cittadini come il "salotto dei sassaresi", è la piazza più importante della città di Sassari. Fu realizzata a partire dal 1872 appena al di fuori della cinta muraria che racchiudeva il centro storico medievale. >>> Scopri di più


Chiese

Duomo di San Nicola

Incastonata nel centro storico, vi si arriva percorrendo strette stradine ricche di fascino. Una facciata conclusa nel primo quarto del Settecento con tre nicchie ospitanti le statue dei Santi martiri turritani Proto, Gavino e Gianuario, al centro la nicchia con la statua di San Nicola, patrono della città di Sassari, e il Padre Eterno benedicente. >>> Scopri di più.

Santa Maria di Betlem

La chiesa di Santa Maria rappresenta il cuore della tradizione sassarese. Di fondazione romanica (XII sec.), vi fanno il loro ingresso, il 14 agosto, i portatori dei ceri votivi e i rappresentanti dei Gremi. Si tratta della festa dei Candelieri, già in uso nel Medioevo, che ogni anno inonda le strade del centro, per lo scioglimento del voto alla Vergine Assunta. >>> Scopri di più.

Sant'Apollinare

Le più antiche strutture della chiesa di Sant'Apollinare risalgono alla fine del Duecento. Situata nel nucleo originario della città, era già parrocchia nel 1278. Fu ampliata intorno alla seconda metà del XVII secolo e in seguito distrutta da un incendio nel 1651. La chiesa venne ricostruita agli inizi del Novecento; dell'edificio originario rimangono solo poche tracce. >>> Scopri di più.

San Giuseppe

Fu realizzata tra 1884 e 1888 su progetto dell'ingegnere Francesco Agnesa, nell'allora periferia di Sassari, un'area isolata, equidistante da ospedale e carcere e antistante piazza d'Armi, dove all'epoca si tenevano esercitazioni d'artiglieria. La parrocchiale di san Giuseppe, per circa un ventennio dopo la fondazione, rimase avulsa dal contesto urbano, cui 'dava le spalle', volgendo la facciata verso zone cittadine in espansione. >>> Scopri di più.


Tradizioni

Cavalcata Sarda

I suoni, i colori, le musiche e le danze, i gioielli, i costumi e i cavalli. La Cavalcata Sarda è una festa dove ogni anno si incontrano oltre tremila costumi in rappresentanza dei comuni di tutta l'isola che offrono uno spettacolo indimenticabile, dando vita al più grande evento laico della Sardegna che si svolge la penultima domenica di maggio. >>> Scopri di più.

La discesa dei Candelieri

Il 14 agosto di ogni anno si ripete immutata da secoli. La Discesa dei Candelieri è il momento in cui tutta la comunità sassarese si ritrova, unita, lungo le vie cittadine sino alla chiesa di Santa Maria di Betlem. La festa risale al XIII secolo e trae la sua origine dal rito pisano dell'offerta dei candeli alla Madonna di Mezz'agosto da parte delle corporazioni di arti e mestieri cittadine. >>> Scopri di più.

I riti della Settimana Santa

Le processioni della Settimana Santa costituiscono uno dei momenti più significativi della devozione religiosa della città, che trova nelle antiche confraternite una delle sue più elevate espressioni. I riti locali della Settimana Santa ricalcano modelli derivati dalle tradizioni religiose iberiche, eredità della presenza spagnola a Sassari durata quattro secoli. >>> Scopri di più.

La Discesa dei Mini Candelieri

La tradizione che viene tramandata, il vivaio dei Gremi, il futuro della Festha Manna sassarese. Tante definizioni, tutte appropriate per la discesa dei Mini Candelieri di domenica 5 agosto. L'iniziativa è promossa dall'Intergremio in collaborazione con il Comune di Sassari ed è dedicata ai giovanissimi aspiranti portatori e tamburini, di età non superiore ai 13 anni. >>> Scopri di più.

 

 

Nessuna connessione internet